Culture et création

 
     
° Una psicoanalisi

La parola "Cultura" rinvia a una delle più importanti pratiche della creazione umana, quella che ci permette di lavorare, di nutrirci e di vivere. La parola "cultura" è infatti un'anfibologia; essa significa, in senso proprio, pratica dello sfruttamento della terra, ovvero "coltura", fare in modo cioè che un seme diventi germoglio, albero e poi frutto; ma rinvia anche, al senso figurato, cultura rinvia invece al senso figurato, ovvero alla pratica essenziale che permette all'uomo di nascere, crescere, diventare adulto e realizzarsi. Una cultura del benessere deve nascere da un seme, piantato in un terreno fertile e umido…

Lo specifico della cultura mi sembra risiedere nella pulsione che permette di venire al mondo, di far nascere il pensiero e crescere il sapere. Essa scaturisce da una sorgente, nel cuore di una natura creatrice che i Greci chiamano physis.

La parola tedesca Glück significa felicità, benessere, fortuna e rinvia al verbo gluckern, ribollire, gorgogliare: il mormorio di un liquido che scaturisce da una sorgente. La felicità, Glück, sorge da una pulsione gorgogliante e invocante. Il rumore, il suono che lo sgorgare dell'acqua produce quando zampilla da una sorgente è prodotto dallo sfregamento e dallo scorrimento che produce la materia liquida quando scaturisce dal terreno.

Una forza richiama alla superfice qualcosa che era segregato, costretto e sigillato. Gluckern è un' invocazione alla rinascita . La felicità potrebbe essere la rappresentazione sonora della nascita dell'essere.

 
° Cultura e creazione  
° Presenza creatrice  
° Sapere e creazione